top of page

Siamo strumenti di Dio

Chiara Oltolini

Mi chiamo Chiara, sono italiana e grazie al progetto MilONGa ho trascorso tre mesi come volontaria presso l'Associazione Nostra Signora Regina della Pace (ANSPAZ), una delle 23 comunità del Condominio Spirituale Uirapuru di Fortaleza, in Brasile. Abbiamo pianificato la mia esperienza con sei mesi di anticipo, perché ero sicura che il momento fosse ideale. Il giorno in cui ho comprato i biglietti, ho provato un forte senso di gioia e volevo raccontare a tutti quello che sarebbe successo tra sei mesi. L'attesa è stata lunga, ma ricordo che ogni giorno il mio pensiero andava a questa comunità, iniziavo a immaginare i bambini, quello che avrei potuto fare con loro, e in nessun momento ho provato paura, sentivo che era esattamente quello che volevo vivere in quel momento della mia vita. Gli obiettivi che avevo in testa erano molti. Oltre a farmi uno con i missionari della comunità, volevo partecipare al maggior numero possibile di eventi e conoscere le persone del quartiere, la realtà della loro vita quotidiana. Pensavo anche di creare legami eterni con i bambini e le persone più bisognose che avrei incontrato. Con tutto questo, il mio obiettivo principale era quello di accrescere la mia fede e conoscere la fede carismatica dei cristiani brasiliani.


Quando sono arrivata, ho visto la prima scena che mi ha fatto capire la grazia che avevo in quel momento. Sono arrivata all'aeroporto e non mi aspettavo niente di quello che ho visto davanti a me. Tanti bambini che mi accoglievano con canti, bandierine italiane e brasiliane e meravigliosi sorrisi sui loro volti. È stato veramente Gesù a dire: "Benvenuta in Brasile" e lo ha fatto attraverso le creature più pure che possano esistere: i bambini. È stata una serata piena di sorprese e di semplicità che mi ha subito aperto il cuore per andare all'incontro di questo popolo.

Il luogo in cui vivevo era davvero felice. La casa dei missionari che mi hanno accolto è proprio di fronte alla casa del progetto, dove ogni giorno arrivano novanta bambini in due classi, mattina e pomeriggio, portando amore, gioia, domande, voglia di imparare e giocare in un luogo sicuro, lontano dai pericoli del quartiere e dai dolori familiari che sono costretti a vivere una volta tornati a casa.


In quei mesi, le persone della comunità del quartiere e i volontari del progetto hanno saputo darmi un amore incondizionato e gratuito, tanto che in pochi giorni mi sono sentita a casa, libera di partecipare alle attività, di coordinare le stanze dei bambini, di pregare e giocare con loro e di servire in mensa. Non c'era paura tra noi, tutti riconoscevano la nostra unione in Cristo, in un clima di pace e di preghiera quotidiana, di gratitudine e di rispetto reciproco. Il quartiere della comunità è un quartiere povero, appena fuori dalla favela, eppure non ho mai avuto paura di camminare per strada. La gente riconosce il lavoro dei missionari, che agiscono con carità e senza alcun pregiudizio.


È molto difficile organizzare i miei ricordi e decidere quale sia stato il migliore, perché ogni giorno mi sono sentita amata e ho avuto l'opportunità di amare, e questo è sempre meraviglioso. Posso dire che uno dei momenti che mi ha reso più felice è stato il giorno in cui siamo saliti in macchina e abbiamo girato per il quartiere consegnando pacchi alimentari alle famiglie più bisognose. Il sincero "grazie" degli uomini, delle donne, degli anziani e dei bambini quella sera mi sono entrati nel cuore e hanno risvegliato il forte desiderio di fare di più per loro.


Questa esperienza di contatto con la gente più pura, i bambini e i più poveri, mi ha insegnato che non c'è gioia più grande che donarsi per l'altro, condividere storie di vita, parlare delle proprie fragilità e scoprirsi simili a questa persona che non hai mai visto prima, ma che ora è di fronte a te ed è appena diventato tuo fratello.

Sarò sempre grata alla grande famiglia del CEU di Fortaleza per avermi accolto con tanto affetto e per avermi mostrato le bellissime opere di Dio sotto forma di comunità e carismi, un mondo che prima non conoscevo e che ora vedo così vicino a me e voglio che faccia parte della mia vita. Nei miei progetti futuri vedo la dedizione al prossimo, la fraternità che ho sperimentato con i focolari e l'amore puro che ho imparato dai bambini.


Gli ultimi giorni trascorsi a Fortaleza sono stati pieni di gioia: ho partecipato al festival Halleluja e ho potuto cantare, ballare e pregare con molti fratelli e sorelle del CEU. Allo stesso tempo, un sentimento di tristezza e di vuoto ha iniziato a emergere nel mio cuore quando ho pensato che avrei dovuto lasciare tutto ciò che avevo costruito nei tre mesi precedenti. È successo, in una delle ultime sere quando durante una conversazione con un fratello condividevo con lui questo mio sentimento e lui mi ha detto questo: "Chiara, sono triste perché te ne vai, ho trovato una vera amica e non voglio che tu te ne vada, ma ti dirò che sono felice perché l'incontro con te mi ha dato più forza per continuare la mia missione, perché stavo attraversando delle difficoltà nella mia vocazione e tu hai saputo darmi la motivazione di cui avevo bisogno in questo momento. Ora mi sento più forte e voglio fare uno sforzo per continuare". Dopo quella conversazione, ho capito che siamo strumenti di Dio, che Lui mi ha messo lì con una o più missioni e che le persone che mette sul nostro cammino non sono mai casuali. È stato allora che ho cominciato a capire che il mio tempo stava per scadere ed ero impaziente di sapere quale altra missione Lui avesse pianificato per la mia vita.



13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page