top of page

OGNI VITA HA SPERANZA

Juan Sebastian Mejia Cifuentes


Prima di partire, ero molto entusiasta di conoscere un nuovo Paese e, soprattutto, di imparare una nuova lingua.


In termini di aspettative, non credo che fossero molto positive perché il posto in cui avrei vissuto era una comunità terapeutica per tossicodipendenti, quindi avevo la sensazione che non sarebbe stato facile.


In verità, sono arrivato con un po' di paura e di panico, sono stato accolto da un altro volontario della Fazenda da Esperança che mi ha dato il benvenuto e mi ha spiegato un po' come funziona la fazenda (lavoro, convivenza e spiritualità).


Quando ho incontrato per la prima volta le persone lì ero un po' spaventato, perché oltre a convivere con loro, avrei vissuto con loro, ma mi hanno accolto in un modo che mi ha fatto sentire sicuro come una famiglia. All'inizio ho avuto difficoltà con la lingua, perché non avevo nessuno che mi desse lezioni di base e i ragazzi a volte non avevano pazienza per il mio piccolo portoghese. Ma queste erano solo alcune delle persone che si sono recuperate.


Non credo di avere un'esperienza che posso classificare come la più bella o la meno bella, è stata un'esperienza che è accaduta in ogni momento, sia nei momenti brutti che in quelli belli, è un'esperienza che è riuscita a toccare fibre sensibili della mia anima che mi hanno fatto soffrire, ma mi hanno anche aiutato a maturare e a superare i miei limiti.



Ho imparato molto sulla tossicodipendenza e su come questa entri nella vita delle persone e le tolga gradualmente alcune cose. All'inizio è impercettibile, ma con il tempo porta via tutto, dalle cose materiali alla dignità umana. È proprio qui che questa esperienza mi ha toccato, non perché io sia un tossicodipendente, ma perché se queste persone che hanno perso tutto nella vita sono disposte ad andare avanti, posso farlo anch'io. Posso riassumere la mia esperienza in una frase molto comune alla Fazenda: "Ogni vita ha speranza", ed è questo che la Fazenda mi ha dato".


Ora che sto concludendo la mia esperienza, non posso fare a meno di sentirmi orgoglioso di vedere come sono arrivato e come sto tornando. All'inizio ho detto che le mie aspettative non erano molto buone e ora che sto concludendo la mia esperienza, posso dire che avevo ragione, ma che era solo il 10% dell'esperienza che ho vissuto.



Mi porto a casa la speranza e la maturità per affrontare la vita.


12 visualizzazioni0 commenti
bottom of page