top of page

CARA BOLIVIA

JUDIT PLADEVALL


Cara Bolivia,


Ti scrivo perché tu non mi dimentichi. A 9.585 km di distanza da te, ti penso.


Ripenso a quei giorni in cui sono arrivata, dopo un lungo viaggio e anni di risparmi. La mia avventura è iniziata con molti nervi positivi e con il proposito di riscoprire e scoprire una realtà completamente diversa dalla mia. All'inizio non è stato facile arrivare in un posto nuovo, così diverso da casa mia. Ho dovuto mettere da parte le mie paure e imparare a disimparare tutte le mie logiche europee, le mie abitudini e le mie radici per impregnarmi di te.


Sono stata fortunata, ho incontrato persone belle che hanno reso tutto più facile e hanno fatto sì che fosse una delle esperienze più ricche della mia vita.



Alcune di queste persone sono giovani che il venerdì sera, invece di andare a fare festa per dimenticare i loro problemi, passano il pomeriggio a cucinare per poter offrire alla sera un piatto di cibo ai senzatetto, un ascolto o un abbraccio a chi non ne ha.


Assumono i problemi degli altri come propri e così tessono una rete ed entrambi i problemi si diluiscono, almeno per qualche momento del venerdì sera. È un colpo di dura realtà, che riescono ad addolcire grazie alle loro azioni di accompagnamento.


Inoltre, trascorrono le loro domeniche regalando felicità, gioia e affetto a molti bambini (e dico molti perché sono tanti) del quartiere alto di Cochabamba. Trascorrono le domeniche insieme facendo laboratori, giochi e tutto ciò che viene loro in mente per portare gioia dove è più difficile arrivare. Questi giovani fanno parte di Casita Girasol, una piccola associazione di Cochabamba.



Ho incontrato anche gli insegnanti della scuola Arco Iris de la Paz, che si trova all'interno della comunità La Casa de Los Niños. È una scuola che va controcorrente per offrire luce e apprendimento della vita a tutti i suoi bambini e bambine (che non sono pochi). In un ambiente con poche risorse e molta complessità, riescono a sfamare più di 200 persone ogni giorno grazie alla mensa che organizzano con le madri e i padri della scuola. Mi è piaciuto molto lavorare con gli insegnanti e il loro direttore, Gianluca, e riempirmi della loro energia positiva e della loro speranza. Speranza di un futuro migliore per tutti questi bambini e bambine e per la qualità di vita delle loro famiglie.


E infine La Casa de Los Niños, per me questa comunità è una bolla di liberazione per le famiglie o i bambini che stanno attraversando un brutto momento, è una bolla di speranza per la vita.


E tutto questo a un ritmo boliviano!


Inoltre, queste persone hanno accolto me. Mi hanno invitato a salire sul loro furgone e ad accompagnarli ovunque, mi hanno aperto le porte della loro casa e della loro scuola e mi hanno lasciato libera di partecipare e di fare la mia parte.


In molti momenti della mia esperienza in Bolivia ho imparato che la generosità non ha limiti e che la ricchezza è la vita. Sono stata anche invitata ai loro momenti, musica e celebrazioni più importanti, ai Koa, al solstizio d'inverno e ai ringraziamenti alla Pachamama... È chiaro che la ricchezza non è data dal denaro, perché sei un Paese di estremi in termini di natura, hai giungle e deserti, aree a più di 4.000 metri sul livello del mare (altopiani delle Ande) e a meno di 100 metri sul livello del mare (bacino amazzonico).


Accompagnarli con uno sguardo così umano mi ha toccato, mi ha toccato il cuore. Mi sento molto grata per aver potuto conoscere tutte queste persone che, senza chiedere nulla in cambio, offrono ciò che possono a chi ne ha più bisogno. Per me si tratta di essere persone risvegliate che seminano giorno per giorno affinché, nel corso degli anni, nuovi semi germoglino, crescano e fioriscano. Questi semi sono i bambini, che sono la più grande speranza del mondo.


Grazie di cuore per il vostro lavoro, il vostro amore e la vostra speranza!

56 visualizzazioni1 commento

1 Comment


Birgit Oberhofer
Birgit Oberhofer
Oct 27, 2023

Grazie della tua esperienza, Judit! Birgit (Ottmaring)

Like
bottom of page