Viaggio d’amore fraterno in Africa

 

Come milONGa, abbiamo condotto un’intervista a Bruno e Zoe, una coppia di argentini che da un anno e mezzo hanno deciso di intraprendere un viaggio che ha il sapore della gratuitá in Kenya (Africa) e Sud Africa. Un’esperienza che ha cambiato le loro vite e soprattutto che ha aperto i loro cuori e le loro menti a paesi e culture totalmente diversi dalla propria.

Bruno e Zoe sono una coppia di Tucumán, una provincia nel nord dell’Argentina, lui è un fotografo e lei è un’insegnante di educazione speciale. Attualmente si trovano nella Familia Ya Ufariji Children’s Home in Kenya; e per otto mesi hanno condiviso la vita con un gruppo di bambini in gran parte recuperati dalla strada che si stanno ricongiungendo alle loro  famiglie o che stanno cercando una nuova casa.

Prima di arrivare in Kenya hanno trascorso tre mesi in Sud Africa, presso la Fazenda de la Esperanza, una comunità terapeutica che funziona da più di 35 anni e che lavora nel processo di recupero di persone che cercano di liberarsi dalla dipendenza  di alcool e droghe.

Durante l’intervista abbiamo potuto costatare la loro vicinanza come coppia e la loro passione di essere volontari; aspetto che senza dubbio può ispirare molte persone che vogliono provare qualcosa di simile a quello che loro stanno facendo.

Vi invitiamo a leggere la seguente intervista:

Fin da piccoli Bruno e Zoe avevano il desiderio di visitare l’Africa per dare in qualche modo il loro servizio. Avevano espresso questo impegno ancora prima di sposarsi, poiché nei loro piani di coppia prevedevano di soddisfare questo sogno che entrambi condividevano. “Un aspetto che ci ha spinto a visitare l’Africa è stato quanto avevamo nella nostra immaginazione, anche se è vero che la disuguaglianza è ovunque, Argentina compresa, più forte era la spinta a conoscere un’altra cultura, qualcosa di totalmente diverso, almeno era quello che immaginavamo di trovare, altri modi di essere, di pensare … ” ci dice Zoe.

Per Bruno incise molto il fatto di essere un fotografo professionista. Aver  avuto a che fare  con tante immagini dell’Africa suscitò in lui un grande interesse, quello di costatare di persona ciò che aveva visto e sentito. “… Mi sono sempre chiesto com’era la realtà. Era davvero quella che qualcuno mi mostrava? Ho visto immagini dell’Africa di miseria, guerra, carestia, persone in fuga dai loro paesi, quindi volevo veder con i miei occhi quanto tutto questo fosse vero, insomma conoscere la realtà dal mio punto di vista”.

Una realtà diversa, nuovi sapori e nuove essenze

Per Bruno e Zoe viaggiare attraverso l’Africa significava soddisfare un anelito molto profondo che li ha portati a capire quanti privilegi possedevano e il diverso valore delle cose. “La vita semplice che immaginavo era reale, per fare un esempio: un litro di acqua potabile è più importante di un cellulare. Ho potuto fare questa esperienza. Arrivavamo dalla Fazenda in un momento in cui non c’era acqua, quindi dovevamo andare a prenderla con un asino in uno stagno. E la verità è che è l’acqua è sporca, non è potabile e non c’eravamo solo noi a cercarla ma anche molte famiglie dei dintorni … “ Racconta Zoe.

Le differenze culturali all’inizio di queste esperienze possono essere difficili; non era un eccezione per questa giovane coppia che doveva entrare in una cultura con sfumature completamente diverse e che andava al suo ritmo.

Continua Zoe: “Personalmente, penso che la cosa più difficile almeno per me sia stata il cibo che è molto diverso da quello a cui ero abituata. Mi ci è voluto un po’ per assimilare i nuovi sapori, le nuove essenze. Ma penso che la cosa più difficile – sebbene sia una cultura super accogliente – sia stato non poter esprimere l’affetto in termini di contatto fisico, giacché le  persone non si abbracciano molto, non si baciano, non si dimostrano i propri sentimenti come facciamo noi in Argentina, a Tucumán … ”.

Bruno continua spiegando che la cosa più difficile per lui è stata la barriera linguistica, ma dice anche che piano piano sta migliorando con l’aiuto dei bambini della casa della Famiglia Ya Ufariji. “Sto ancora imparando l’inglese, non mi piace ma progredisco giorno dopo giorno … Ciò non significa che sia impossibile per le persone che vogliono venire. Penso che la lingua più importante sia quella del cuore; la comunicazione affettiva dello sguardo orizzontale, poter far sentire e riconoscere la persona per quello che è, sia un bambino, un adulto, ecc. … La lingua non è una scusa per chi vuole venire, cercate un’altra di scusa! ”. Dice ridendo.

Vari modi per donare

Nairobi, Kenia. Septiembre 07/2020. Hogar Familia Ya Ufariji. Inicio de clases de computación.

Le attività svolte nella Familia Ya Ufariji, spiegano che sono piuttosto varie, come dipingere la casa, digitalizzare file, scrivere un articolo mensile e diverse attività specifiche con i bambini: allenamento di calcio, lezioni di danza e di computer che entrambi stanno dando.

“… Facciamo attività per giocare con loro, condividere la cena. Nei fine settimana guardiamo dei film, condividiamo molto, giochiamo molto, ed è in quei momenti che cerchiamo di dare il nostro amore al massimo, di lavorare con loro con rispetto, grazie, perdono … “, spiega Zoe.

Un’altra attività che a loro piace molto è poter festeggiare i compleanni dei bambini, qualcosa che li fa sentire molto felici, perché nella cultura africana la festa di compleanno non è qualcosa di importante. “Una delle attività molto belle è quando si festeggiano i compleanni. La verità è che anche qui a livello culturale festeggiare il compleanno non è molto importante, quindi molti non sanno quando è il loro compleanno e non conoscono neppure esattamente quanti anni hanno. Ci è sembrato qualcosa di importante poterli celebrare e farli sentire importanti; avendo vissuto per strada, non colgono l’importanza e la dignità che hanno… La verità è che è altamente raccomandato a tutti coloro che fanno volontariato con i bambini festeggiare i loro compleanni dando a loro un valore speciale ”.

Il grande insegnamento e la crescita personale che Bruno e Zoe hanno trovato in questa esperienza di volontariato, ci spinge a dedicare a loro una seconda parte dell’intervista, così nella prossima puntata continueremo a conoscere meglio questo viaggio fraterno attraverso l’Africa. Non perdetelo!