Viaggio d’amore fraterno in Africa. (Seconda parte)

 

Adempiendo a quanto promesso, vi riportiamo la seconda parte dell’intervista con i volontari Bruno e Zoe dall’Argentina, che sono in Kenya (Africa) da un anno e mezzo.

In precedenza, abbiamo appreso cosa ha motivato questa giovane coppia a fare volontariato, le sfide che hanno dovuto affrontare, come questa esperienza ha cambiato le loro vite e le somiglianze e le differenze culturali che hanno incontrato.

Nairobi, Kenia. Junio 28/2020. Hogar Familia Ya Ufariji.

Grazie alla vasta esperienza che entrambi hanno fatto attraverso il volontariato, sia in Argentina che all’estero, Bruno e Zoe hanno imparato molto. Ed è per questo che vogliamo ancora chiedere loro cosa significa essere volontari?

“È uno stile di vita! Prima eravamo anche volontari in altri modi, ma viverlo come uno stile di vita penso sia super arricchente … ci aiuta a essere un po’ meno pieni di cose e di noi stessi per avere uno sguardo più concentrato sull’altro e su quello che vive accanto a noi… ”. spiega Zoe.

Allo stesso modo, Bruno ci spiega che è importante fare volontariato, da angolature diverse, sia sostenendo un’organizzazione nel proprio paese di origine sia facendo volontariato internazionale. “… Personalmente, ero un volontario in molte aree e penso che sia qualcosa che tutti dovrebbero fare, anche se non necessariamente in questo modo più radicale che stiamo vivendo ora con questo stile di vita. Dovremmo sempre avere un momento in cui gratuitamente possiamo donare ad altri, costruire insieme un contesto migliore e un futuro migliore… ”.

Per Bruno, il volontariato è un’opportunità per cambiare il mondo attraverso le azioni, e per capire che la responsabilità non è tutta dei governi ma anche della persona comune.

“Per me essere un volontario significa essere convinto che il mondo può essere cambiato da gente  comune, che siamo noi che camminiamo per le strade del mondo … Sento che le persone dovrebbero smetterla di criticare i politici o il governo di turno perché siamo noi i responsabili di ciò che accade nel mondo e di come esso è. Nessuno paga finanziariamente le persone che fanno volontariato, ma è la convinzione che ti fa dedicare il tuo tempo, muovere le tue energie, il tuo corpo, il tuo cuore e la tua mente. Questi granelli di sabbia stanno cambiando il mondo in meglio o rendendolo un po’ meno peggiore “.

Un messaggio ai futuri volontari

Sebbene le nuove esperienze spesso ci possono anche paralizzare, ciò non dovrebbe essere un impedimento alla realizzazione di un sogno. “ai giovani vorrei dire – dice Zoe – di non avere paura, che non c’è nulla di cui aver paura perché, almeno nel mio caso, uscire è ritrovare se  stessi e dare è ricevere. In verità in tutto questo del dare e del condividere, ho scoperto molto e non sarei stata in grado di scoprire la vita se non fossi uscita dal piccolo mondo che avevo prima … “.

In questo senso, è un invito a lasciare la zona di comfort in cui tante volte ci si è abituati a vivere e da cui è necessario partire per sperimentare una vera pienezza interiore.

“… È una sfida che, anche così, conduce ad una grande gratificazione e da tanta gioia all’anima, soprattutto vorrei dire a loro che non abbiano paura, che le cose materiali, le persone intorno a noi, non sono importanti quanto l’amore che si può dare e ricevere facendo questo tipo di esperienze di volontariato; soprattutto, uscendo dalla nostra comunità, uscendo dalla nostra zona di comfort, possiamo trovare tanta felicità, tanta realizzazione interiore ”.

Orecchie sorde al negativismo

Bruno ci racconta come alcune persone avessero fortemente influenzato la sua decisione di visitare l’Africa, e come avessero cercato di trasmettergli certe paure, che avrebbe potuto abbattere solo lasciando l’Argentina.

“Purtroppo molte persone mettono paura nelle nostre teste, parlano male del mondo, di quanto andrà male se vai da questa parte o dall’altra, e c’è poco incoraggiamento e poca fiducia in se stessi … C’è una frase che mi piace molto di Gandhi che dice: il modo migliore per trovarti è perderti al servizio degli altri“. Condividere molto con le persone ha riempito la mia anima. E non è che devi andare molto lontano, davanti a casa tua, nel club del quartiere, in sala da pranzo; è lì che riceverai molto di più di quello che dai, ma devi dare con amore e senza aspettarti nulla in cambio ”.

 

Infine, chiediamo loro quanto tempo staranno in Kenya o se vogliono viaggiare in un altro luogo. Tra le risate nervose, ci dicono che a causa della scadenza del visto turistico non potranno restare quanto avevano programmato. “Da parte nostra, resteremmo altri cinque anni, ma è complicato  perché il nostro visto turistico è scaduto, non potremmo avere una proroga … Quindi abbiamo ancora poco tempo per restare qui, ma abbiamo imparato che la speranza è l’ultima cosa che si perde”, dice Bruno.

Ci dice anche che all’inizio era molto difficile pensare di partire ma non si sono scoraggiati. “… Mi sento molto bene qui, perché abbiamo ancora tanto da dare. Ma ho anche capito che avevo dato tutto, ogni giorno mi alzavo e davo tutto il mio amore, tutto quello che potevo dare e questo mi ha portate ad una pace interiore… È bene che qualunque cosa debba accadere, la vita ci trovi dove dobbiamo essere ”.

 

“Il volontariato è uno stile di vita, una volta che sei coinvolto, vuoi continuare sempre di più. Il volontariato è un viaggio di sola andata ”, conclude Zoe.