Dal Brasile al Messico

 

Approfittando delle mie vacanze dall’Università in Brasile, sono andata in Messico per un mese per fare un volontariato.

Volevo lavorare con i bambini e come ho studiato ingegneria Chimica ho pensato di poter fare appoggio scolastico nelle materie di chimica e matematica.

Arrivando in Messico sono andata a vivere nella Maripolis El Diamante che è vicina alla città di Acatzingo-Puebla.

La Mariapolis è molto bella e mi piaceva stare lì perchè c’è tanta natura e perchè sia i ragazzi con cui ho visuto che gli altri abitanti della cittadella erano molto amichevoli.

Ho avuto la oportunità di fare il mio volontariato in una scuola vicina; ho lavorato al primo, secondo e terzo anno della secondaria. Erano bambini tra 11 e 15 anni. Ho appoggiato le classi dell’insegnate di matematica e dell’insegnate di chimica. Normalmente aiutavo ai ragazzi con i dubbi e lavoravo con gli studenti che avevo più difficoltà in classe.

Quando non eravamo in classe, ho lavoravo con altri gruppi di bambini appoggiando loro in matematica e anche con un altro gruppo di 5 bambini della scuola primaria che andavano ad un concorso nazionale in quest’a area.

Il mese è volato via, ma ho vissuto ogni momento intensamente. È stato molto bello poter aiutare i bambini e vedere come miglioravano ogni volta che facevamo insieme i compiti.

Ho avuto anche il tempo di scontrarmi con la loro realtà e di vedere come sono così amichevoli nonostante i loro problemi. ¡Non ho mai sentito un amore così puro come quello che ho vissuto in Messico! I bambini, gli insegnanti e tutti quelli che lavoravano nella scuola mi hanno trattata molto bene. Anche alla Mariapolis erano tutti molto gentili ed ogni giorno era pieno di gioia e sentimenti belli.

Quando è arrivata l’ultima settimana non volevo andarmene perchè ero innamorata di questa vita di dare e ricevere, di sentire quell’amore e di sperimentare come potevo aiutare alle persone senza nemmeno rendermene conto. Voglio già tornare pronto perchè lì ho capito chi sono e come voglio essere, di come voglio vivere e di come essere una persona migliore.

Solo posso ringraziare per questa bella opportunità e spero che pìu ragazzi possano vivere queste incredibili esperienze.

Un forte abbraccio a tutti coloro che hanno fatto  parte delle mie giornate, spero di poter fare presto un altro lavoro come questo.

Gabriele, Brasil