Cronaca – Il nostro volontariato milONGa, occasione di incontro e apprendimento reciproco

 

Di Manuel Nacinovich

Si potrebbe dire che grazie al calendario scolastico limitato, il Paraguay è apparso nella vita di Alexandra e Rodrigo. Sono entrambi insegnanti in Spagna e hanno trovato in milONGa un’opportunità che si adattava perfettamente alle loro esigenze. Nel paese dei Guaraní hanno incontrato una realtà molto diversa dalla loro, dove dovevano reinventarsi ed essere creativi ogni giorno. Dove, nonostante le carenze del luogo, sono rimasti sorpresi dalla generosità illimitata della gente. E dove, inoltre, hanno sperimentato cosa significa godere e valorizzare le piccole cose.

⇒ Se pensate a milONGa, qual è la prima cosa che ti viene in mente?

Rodrigo: “Per me un’opportunità, davvero. Perché stavamo cercando qualcosa del genere, non siamo riusciti a trovarlo, e milONGa è apparsa e ci ha dato un progetto che si adattava abbastanza bene a quello che stavamo cercando. Eravamo abbastanza disorientati e da milONGa ci hanno reso tutto molto facile”.

Alexandra: “La verità è che ci è voluto un po’ per decidere quale esperienza volevamo fare ed eravamo limitati nel tempo perché qui in Spagna siamo insegnanti, quindi doveva essere necessariamente a luglio o ad agosto. E milONGa ci ha detto di stare tranquilli, che ci avrebbero trovato un posto dove c’era qualcosa di simile a una lezione in classe, ovvero quello che cercavamo”.

⇒ Venivate non solo da un paese molto diverso, ma anche da un continente molto diverso. Ricordate qual è stata la prima cosa che vi ha colpiti?

Alexandra: “Uf…”

Rodrigo: “Sì, ricordo che ho detto ‘qui le strade non sono asfaltate’ (ride). Certo, immaginavo il Paraguay come un paese umile ma… mi ha scioccato molto. Non c’erano marciapiedi, per esempio. Oppure i veicoli… la verità è che è un’altra realtà molto diversa da quella che viviamo giorno per giorno”.

Alexandra: “Soprattutto all’inizio, con le prime persone con cui abbiamo parlato, che ci hanno accolto nella loro casa, sono stata colpita dal ritmo della vita. Qui in Spagna sento che stiamo tutti correndo, tutto è più frenetico, tutto deve essere adesso, e lì c’era di più… se iniziavi a parlare con qualcuno, perché la conversazione poteva durare due ore e non c’era fretta. Abbiamo parlato di “com’è questo nel tuo paese? E come fai quest’altro?” Quindi era quella sensazione di dire ‘abbiamo passato tre ore attorno ad un tavolo e non è successo niente, il mondo rimane lo stesso'”.

⇒ Come vi ha fatto crescere milONGa?

Alexandra: “Nel valorizzare le piccole cose. Ricordo che quando siamo arrivati lì faceva molto caldo, la doccia era fredda e all’inizio l’abbiamo apprezzato. Ma all’improvviso è arrivata un’ondata di freddo e abbiamo iniziato ad apprezzare davvero com’era avere il riscaldamento, che avevamo nella nostra casa in Spagna, o che l’acqua usciva calda, o piccole cose che non ti rendevi conto nella quotidianità. Ricordo di essere tornato da quell’estate, di aver aperto il rubinetto di casa nostra e di aver detto “quanto sono fortunato”. E a livello professionale, era sperimentare la realtà che aveva quella scuola in Paraguay e quella che abbiamo qui, anche se a volte non ce ne rendiamo conto. Forse ci lamentiamo perché la fotocopiatrice non è veloce o non ha fatto tutte le copie che volevi. E in Paraguay dovevamo insegnare matematica con sassi, bastoni, senza lavagna, dovevamo re-inventarci ogni giorno. Era valorizzare ogni piccola cosa”.

Rodrigo: “Apprezzo anche quello che si dice in molte canzoni, ovvero chi ha di meno è colui che ti dà di più. E questo è vero. Andavamo nel quartiere più povero che abbia mai visitato, e io mi sentivo male perché tutti mi davano delle cose. I bambini mi hanno portato i loro giocattoli, mi hanno portato i loro disegni…”

Alexandra: “E il cibo. Le mamme della scuola ci portavano da mangiare a tutte le ore”

Rodrigo: “Sì… e uno potrebbe pensare ‘Ma cosa mi porti? Se non hai praticamente niente, perché mi dai delle cose? ‘ E poi ti rendi conto che c’è un egoismo nel mondo che a volte ci divora. Ma lì… è stato bello. È stato bello perché… perché ci hanno dato tutto quello che avevano”.

⇒ Un uccellino mi ha detto che in Paraguay c’è stata una proposta di matrimonio, potrebbe essere?

Alexandra: “Potrebbe essere, potrebbe essere” (ride)

Rodrigo: “E’ vero (ride). L’ultimo giorno… ci ho provato.

Alexandra: “La verità è che non mi aspettavo niente. Ci hanno anche fatto una festa d’addio, ricordo di aver visto tutti i bambini in fila, e che Rodrigo ha cominciato a dire qualche parola, dicendo cose molto carine ai bambini, su quanto sia importante l’educazione, che devono apprezzare di poter andare a scuola, e all’improvviso ha finito con la proposta di matrimonio e… io pensavo di avere le allucinazioni. Non potevo crederci. E c’erano un sacco di piccoli spettatori, perché tutti i bambini sembravano guardare un film della Disney. Ero coperta di fango perché avevamo giocato a calcio con loro, avevo i capelli raccolti, e mi sentivo una principessa Disney, perché sembrava che tutti pensassero ‘wow, vi sposate!’ È stato incredibile”.

⇒ Avete invitato alcune persone dal Paraguay al matrimonio, giusto?

Alexandra: “Sì, soprattutto la famiglia che ci ha accolto.”

Rodrigo: “Sì, ci hanno accolto molto bene, ci hanno fornito tutto, hanno avuto molta pazienza, e mi hanno quasi salvato la vita, perché un giorno ho avuto un colpo di calore e mi hanno curato benissimo. Abbiamo davvero dei bellissimi ricordi. Purtroppo non sono potuti venire, ma li avevamo invitati”

Alexandra: “E infatti continuiamo ad avere un rapporto con loro. Ci facciamo gli auguri a Capodanno, di tanto in tanto facciamo una videochiamata. Perché per noi sono stati molto importanti in quei momenti e conserveremo il ricordo per sempre”.

Rodrigo: “Sì, e quando succede qualcosa di molto importante ce lo facciamo sapere.”

Alexandra: “Come la nascita di nostro figlio, per esempio. Si sono preoccupati molto durante la gravidanza… quando stava nascendo…”

⇒ Cosa pensate che l’Europa possa imparare dall’America Latina e viceversa?

Rodrigo: “Penso che in Europa dobbiamo imparare un po’ a vivere e a smettere di pensare così tanto al lavoro. Rallenta, vivi un po’, prenditi il tempo di stare con le persone. Per godersi di più lo stare assieme agli altri. E il Sud America invece, penso che debba imparare, soprattutto, ad avere una cultura come Paese e a lavorare insieme per realizzare le cose assieme.”

Potrai trovare il video completo di questa cronaca sul nostro profilo instagram @milonga_project